Bando “Sostegno alle reti di imprese”

Vi segnaliamo che Regione Lombardia ha approvato il bando per il “Sostegno alla reti di impresa”.

DATA DI APERTURA E CHIUSURA DEL BANDO
dalle ore 14.00 del giorno 21/03/2013
alle ore 12.30 del giorno 15/05/2013

DOTAZIONE FINANZIARIA

La dotazione finanziaria disponibile per il Bando è pari complessivamente a Euro 6.000.000,00 (seimilioni)

INTERVENTI AMMISSIBILI

Gli interventi ammissibili sono rivolti alla creazione di nuove aggregazioni stabili di imprese, costituite in contratto di rete, nonché al consolidamento, allo sviluppo e alla stabilizzazione delle reti esistenti, attraverso innovazioni di processo, prodotto, servizio e organizzazione,quali:

–      sviluppo e miglioramento di funzioni condivise dall’aggregazione finalizzate all’aumento dell’efficienza e della produttività e/o all’ampliamento della capacità produttiva e al miglioramento della performance delle singole imprese;

–      sviluppo di sistemi e strumenti integrati di gestione dei processi organizzativi e gestionali interni;

–      realizzazione di attività di servizio comuni, per ideare nuovi prodotti/servizi o per mettere a punto nuovi processi produttivi, logistici o distributivi o per permettere un notevole miglioramento dei prodotti e/o servizi o processi esistenti;

–      sviluppo di nuovi business centrati su nuovi prodotti o servizi con caratteristiche di novità rispetto al mercato e/o incentrati sull’utilizzo di nuove tecnologie.

SOGGETTI BENEFICIARI

Le aggregazioni di MPMI (minimo di 3 soggetti) costituite con la forma giuridica del "contratto di rete" senza soggettività giuridica, (non è obbligatoria l'istituzione del fondo patrimoniale), con sede operativa in Lombardia.

Il contratto di rete deve essere già stipulato al momento della presentazione della domanda di contributo (anche se non ancora iscritto nella sezione del registro delle imprese presso cui è registrato ciascun partecipante alla rete) e comunque non prima di 120 giorni dalla data di pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (22 febbraio 2013). Il contratto dovrà quindi essere stipulato nell'arco temporale compreso tra il 25 ottobre 2012 (data corrispondente a 120 giorni antecedenti la pubblicazione BURL) e la data di presentazione della domanda di contributo.

SPESE AMMISSIBILI

Sono considerate ammissibili, al netto di IVA e di altre imposte, le seguenti spese funzionali alla realizzazione ed attuazione dell’intervento :

  1.  attrezzature, strumentazione, macchinari, impianti, materiali e lavorazioni esterne in quota proporzionale al periodo ed all’intensità di utilizzo nell’ambito del progetto;
  2. costi per l’acquisto di software e hardware in quota proporzionale al periodo ed all’intensità di utilizzo nell’ambito del progetto;
  3. costi per acquisizione di brevetti e diritti di licenza, strumentali alla realizzazione del progetto, nonché per il deposito di brevetti e la registrazioni di marchi strettamente correlati ai risultati ottenuti nella realizzazione del progetto;
  4. costi per la presentazione di una fidejussione bancaria, assicurativa o rilasciata da intermediari finanziari e dai confidi iscritti ai sensi dell’art. 107 del Testo Unico Bancario, escutibile a prima richiesta, a sostegno della richiesta di anticipo del contributo concesso, nell’importo massimo di spesa ammissibile pari al 2% (due) dell’ammontare garantito dalla fidejussione, pari al 50% del valore del contributo concesso;
  5. spese notarili e di registrazione sostenute per la costituzione del contratto di rete, nell’importo massimo di spesa ammissibile di Euro 2.000,00 (duemila) per ogni domanda di contributo;
  6. consulenze tecniche esterne specifiche e strategiche ai fini della progettazione, realizzazione e rendicontazione dell’intervento e caratterizzate da un contenuto altamente specialistico. Non sono ammissibili le consulenze ordinarie, contabili e fiscali con la sola eccezione di quelle specificamente relative ad approfondimenti di tali aspetti in relazione alle aggregazioni di imprese.
  7. costi per la diffusione e promozione dell’innovazione introdotta dalla rete riferiti ad attività realizzate e concluse nel periodo di attuazione del progetto;
  8. costi del personale dipendente delle MPMI impegnate nel progetto nella misura massima del 50% (cinquanta) della somma delle precedenti voci di spesa da A ad G ammesse, su base complessiva e non relativa alla singola MPMI.

I costi dovranno riferirsi a:

  • Personale dipendente (iscritto nel libro matricola e retribuito con regolare busta paga) delle MPMI del raggruppamento partecipante al progetto, incluso il personale a tempo determinato e part-time.
  • Collaboratori assunti con contratti di collaborazione a progetto.

Saranno inoltre riconosciuti, nella misura massima del 5% (cinque) della somma delle precedenti voci di spesa da A ad G ammesse, i costi relativi sono ammessi anche i costi dei titolari delle imprese individuali, dei legali rappresentanti ed ai soci delle società di persone, dei legali rappresentanti ed dei componenti dell’organo di amministrazione delle società consortile e delle società di capitali.

  1. Costi di consulenza esterna relativi alle attività del manager di rete, nella misura massima del 10% (dieci) della somma delle precedenti voci di spesa da A ad G, su base complessiva e non relativa alla singola MPMI;
  2. costi per la formazione del personale dipendente impegnato nel progetto nella misura massima del 10% (dieci) della somma delle precedenti voci di spesa da A ad G, su base complessiva e non relativa alla singola MPMI;

INTENSITA' DEL CONTRIBUTO

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, fino ad una misura massima del 40% della spesa ritenuta ammissibile. Saranno esclusi i progetti con spesa totale ritenuta ammissibile a contributo inferiore a Euro 75.000,00 (settantacinquemila) e spesa totale per singolo partecipante ritenuta ammissibile a contributo inferiore a Euro 20.000,00 (ventimila).      

Per informazioni e approfondimenti: Dott.ssa Valentina Stanziale, 0381/907707, [email protected]