Dispositivi di protezione individuale (DPI), in vigore il nuovo Regolamento Europeo

dpi_cartello

Non c’è attività che non contempli l’utilizzo di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) adeguati.

La Marcatura CE dei DPI  ha un nuovo Regolamento (UE) 2016/425, in vigore il 20 aprile 2016 e, dopo un periodo transitorio di 2 anni, la Direttiva 89/686/CEE è abrogata definitivamente a partire dal 21 aprile 2018.

Il Regolamento (UE) 2016/425, stabilisce i requisiti per la progettazione e la fabbricazione dei dispositivi di protezione individuale (DPI) che devono essere messi a disposizione sul mercato, al fine di garantire la protezione della salute e della sicurezza degli utilizzatori, e stabilisce norme sulla libera circolazione dei DPI nell’Unione Europea.

Il Regolamento (UE) 2016/425 è dunque un atto legislativo vincolante, così da essere applicato in tutti i suoi elementi nell’intera Unione europea.

La Classificazione dei DPI

E’ effettuata per Categorie di Rischio crescenti in relazione all’entità del rischio:

Categoria I

DPI che proteggono da rischi minimi:

  1. lesioni meccaniche superficiali;
  2. contatto con prodotti per la pulizia poco aggressivi o contatto prolungato con l’acqua;
  3. contatto con superfici calde che non superino i 50 °C;
  4. lesioni oculari dovute all’esposizione alla luce del sole (diverse dalle lesioni dovute all’osservazione del sole);
  5. condizioni atmosferiche di natura non estrema.

Categoria II

Tutti i DPI che non rientrano nella categoria I o III.

Categoria III

Rischi che possono causare conseguenze molto gravi quali morte o danni alla salute irreversibili con riguardo a quanto segue:

  1. sostanze e miscele pericolose per la salute
  2. atmosfere con carenza di ossigeno
  3. agenti biologici nocivi
  4. radiazioni ionizzanti
  5. ambienti ad alta temperatura aventi effetti comparabili a quelli di una temperatura dell’aria di almeno 100 °C
  6. ambienti a bassa temperatura aventi effetti comparabili a quelli di una temperatura dell’aria di – 50 °C o inferiore
  7. cadute dall’alto
  8. scosse elettriche e lavoro sotto tensione
  9. annegamento
  10. tagli da seghe a catena portatili
  11. getti ad alta pressione
  12. lerite da proiettile o da coltello
  13. rumore nocivo

Il nuovo Regolamento disciplina i DPI che “sono nuovi sul mercato dell’Unione al momento di tale immissione sul mercato, vale a dire i DPI nuovi di un fabbricante stabilito nell’Unione oppure i DPI, nuovi o usati, importati da un paese terzo”. E il regolamento “dovrebbe applicarsi a tutte le forme di fornitura, compresa la vendita a distanza”.

Hai dubbi o domande?
Contatta i nostri esperti del servizio Ambiente e Sicurezza: ambiente@asarva.org